Spiegare cos’è la logistica non è semplice e nemmeno immediato. Molto spesso oggi quando si parla di logistica si è soliti ricondurre tutto questo complesso e delicato processo alla movimentazione della merce.  Nella realtà la logistica svolge molti più compiti che il semplice trasporto delle merci.

Il termine logistica deriva dal termine greco λογῐστῐκός (logistikos), questa parola si riferiva all’arte del computare, utilizzata soprattutto dai pitagorici per indicare le operazioni elementari sui numeri interi. 
Il termine ha poi avuto ampio impiego in ambito militare, in questo caso il termine acquisiva un significato più ampio e andava ad indicare molte operazioni: dal trasporto e distribuzione dei viveri ai materiali necessari e alle munizioni come anche le operazioni di manutenzione e di riparazione più semplici. 
Attualmente la logistica è una parte vitale all’interno delle aziende, una funzione così vitale e complessa che molte attività decidono di esternalizzare attraverso l’Outsourcing Logistico.

Facciamo un viaggio nella storia della logistica

La logistica, essenziale per l’approvvigionamento e il trasporto dei beni, ha origini antiche, risalendo a 4000 anni fa con l’introduzione della ruota dai Sumeri nel 3500 a.C. e l’uso della vela dagli Egizi dal 4000 a.C. I mezzi di trasporto terrestri dominanti per oltre 5000 anni furono carri e carrozze trainate da cavalli, con gli antichi romani che svilupparono un’estesa rete stradale. Un esempio storico dell’importanza della logistica in ambito militare è la conquista dell’Impero Persiano da parte di Alessandro Magno, resa possibile grazie a un efficace supporto logistico appunto.

Dai Romani alle Guerre Mondiali
I romani associavano la logistica alla gestione fiscale e militare: il logisticus era l’esattore delle tasse, mentre il logier organizzava i campi militari. Sotto Giulio Cesare (49-44 a.C.), la logistica divenne cruciale per l’approvvigionamento e il trasporto di beni, con l’introduzione di magazzini e porti strategici. Cesare creò la figura del logista per gli approvvigionamenti, soprattutto in guerra.
Nel Medioevo, l’Italia e le Repubbliche Marinare dominavano i commerci mediterranei, essenziali per lo scambio di merci e idee. Quest’epoca vide lo sviluppo di corporazioni e rotte commerciali, nonché metodi avanzati di stoccaggio e distribuzione. La scoperta del Nuovo Mondo da parte diColombonel 1492 spostò il fulcro dei commerci globali, inaugurando l’Età Moderna.
La Prima Rivoluzione Industriale (1760-1840) portò significativi avanzamenti logistici con l’introduzione della catena di montaggio e della produzione in serie. Questo periodo vide anche lo sviluppo infrastrutturale con la costruzione di strade, canali e ponti in Francia e Inghilterra, promuovendo gli scambi commerciali e la formazione di mercati interni.
Fino alla Seconda Guerra Mondiale, la logistica era principalmente legata alle operazioni militari, con il conflitto globale che esigeva sforzi logistici senza precedenti. Il D-Day, lo sbarco in Normandia del 6 giugno 1944, rappresenta un chiaro esempio di questo impegno, con lo sbarco di 156.000 soldati delle forze alleate sulla costa francese, simbolo dell’enorme sforzo logistico necessario per supportare campagne militari di grande ampiezza. Durante la guerra, la necessità di affrontare complesse esigenze logistiche portò all’applicazione della Teoria dei Sistemi e alla formulazione del concetto moderno di logistica militare, che comprende lo studio, l’organizzazione e il coordinamento dei movimenti di uomini, materiali e mezzi in territorio nemico.

Dal dopoguerra ai giorni nostri
Nel secondo dopoguerra, la logistica si è espansa oltre il settore militare, entrando nell’ambito economico e industriale. Dagli anni ’50 e ’60, inizialmente concentrata sulla distribuzione dei prodotti finiti, la logistica si focalizzava su trasporto e immagazzinamento. Negli anni ’70, si assiste a un’evoluzione verso una gestione più strutturata, spinta da un contesto di inflazione elevata e la necessità di gestire le scorte in modo più efficiente.
Nel 1976, il concetto di logistica viene definito come l’integrazione di diverse attività per pianificare e controllare il flusso di materiali e prodotti, evidenziando l’importanza di un approccio coordinato. L’introduzione del codice a barre alla fine degli anni ’70 segna un passo avanti nell’ottimizzazione dei sistemi informativi.
Gli anni ’80 vedono un cambiamento verso la centralità del servizio al cliente, con l’introduzione di strategie come il Material Requirements Planning (MRP) e il Just in Time (JIT), enfatizzando la gestione dei materiali. L’avvento dell’era informatica ha rivoluzionato la logistica, migliorando la tracciabilità delle merci e facilitando il coordinamento delle operazioni logistiche, sottolineando l’importanza dell’integrazione e dell’efficienza nella logistica moderna.
Nel 1991, la logistica fu definita dal Council of Logistics Management come il processo di gestione efficiente ed efficace del flusso di merci, servizi e informazioni, evidenziando l’obiettivo di soddisfare le esigenze del cliente. Gli anni ’90 segnano un punto di svolta, con l’integrazione delle funzioni aziendali in processi che non solo mirano al risparmio di costi ma anche alla creazione di valore. Durante questo decennio, si assiste allo sviluppo di programmi software avanzati per la gestione dei magazzini (WMS) e dei flussi di trasporto (TMS), nonché all’introduzione della tecnologia RFID, cruciale per la tracciabilità dei materiali nella catena logistica.

Oggi, la logistica è diventata una scienza complessa che gestisce il trasporto di merci attraverso l’utilizzo di tecnologie innovative come l’intelligenza artificiale, l’internet delle cose (IoT), la robotica, e altri strumenti avanzati, giocando un ruolo fondamentale nella sua evoluzione da una disciplina prevalentemente fisica ad asset strategico per lo sviluppo delle imprese. Questo cambiamento ha permesso di affrontare con successo le sfide dell’era moderna, trasformando la logistica in un campo sempre più integrato e tecnologicamente avanzato.

La logistica oggi

Con la nascita del concetto di supply chain siamo al concetto moderno di logistica: tutte le fasi del processo produttivo assumono sempre più una posizione centrale nella azienda. Si sviluppa quindi un business nel fornire prodotti, servizi ed informazioni destinati al consumatore che determina un cambiamento concettuale della logistica: si passa da una funzione di aiuto organizzativo in determinate situazioni ad una funzione strategica per lo sviluppo delle singole aziende.

Negli ultimi anni si è giunti infine al concetto di outsourcing delle attività di trasporto e  movimentazione delle merci in modo da affidare a terzi la gestione di questo settore. La decisione di affidare ad altre società la gestione del magazzino e la distribuzione delle merci può infatti risultare vincente se si vuole concentrare le proprie attenzioni sul core business per minimizzare i costi e migliorare le prestazioni dell’azienda in termini di qualità del servizio reso.

Come abbiamo visto, non esiste una definizione di logistica che abbia valore nel tempo. Così come cambiano i sistemi produttivi, cambiano anche i sistemi logistici e, con essi, lo stesso significato di logistica. In particolare, l’Associazione Italiana di Logistica scrive: «La logistica è l’insieme di tutti quei processi di ordine organizzativo, gestionale e strategico, interni ad un’azienda, dalla fornitura alla distribuzione finale dei prodotti». Invece, secondo, come abbiamo visto sopra per il  Council of Logistics Management la definizione è più ampia.

Quando parliamo di logistica facciamo riferimento alle seguenti attività:

Esistono diversi tipi di logistica

A seconda del processo di cui si occupa quindi e di come si inserisce all’interno delle più ampie procedure industriali, è possibile possibile dare un nome ad ogni parte della logistica:

L’ultima, non per importanza, tipologia di logistica è la logistica a temperatura controllata. La logistica e il trasporto a temperatura controllata sono diffusi soprattutto nel settore alimentare e farmaceutico poiché il cliente che richiede questo tipo di servizio ha l’obiettivo di conservare al meglio il prodotto da punto di vista chimico e organolettico.

Quindi, ricapitolando, a cosa serve la logistica? 
Avere un magazzino e un sistema di distribuzione funzionale è molto importante per garantire l’ottimizzazione di tutta la supply chain, un alto livello di efficienza nello svolgimento di tutte le operazioni di magazzino e di conseguenza il soddisfacimento di tutte quelle che sono le esigenze del cliente che si affida alla nostra azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *